copyright

© copyright 2015

23 mag 2017

Vergogna


Non ho più fiato né respiro da dare
alla tua ormai sagoma gelida
che si frappone tra me e la fuga.
Spirito vuoto
che in me non ha più alcun retaggio.
Corpo in vendita
scarto fra gli scarti
avanzo di rifiuti.
Svelata la tua vera essenza
Si palesa così nitida la tua natura veritiera
fin qui celata con superbia maestria artigiana
sotto quegli strati d'angelo
che sfoggiavi lungo il giorno
dietro cui ti nascondevi
senza che il mondo avesse occhi del tuo inganno.
Seme di menzogna.
Sangue intriso di veleno.
Anima sporca.
Lucida ragione di male...
 adesso dimmi…
Come si sta tra le carogne?
Tolti i veli dei tuoi raggiri
trasudi quasi pena
mentre in me non nasce ira
ne voglia di alzar dito
l'averti messa a nudo diventa il tuo castigo
e la mia gioia.
Per me non vi sarà vendetta
né rancore.
lo specchio..lui solo sarà il tuo fustigatore
egli farà certo bene il suo dovere
ti sarà boia e cappio
per il resto della vita




Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

-vergogna- © 2017 by arkomfreeflight

is licensed under a Creative Commons Attribuzione –

Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Unported License.